Alla Stranieri la stagione dei concerti A.Gi.Mus.

paciullodi Stefano Ragni – «Tra le missioni di questa Università si è misurata anche l’evoluzione della esperienza della musica che ha avuto nell’A.Gi.Mus il suo principale attore e agente».

Parola di rettore, ovvero di Giovanni Paciullo, che ha presenziato questa mattina la conferenza stampa di presentazione della stagione dei concerti A.Gi.Mus., svoltasi nella sala delle riunioni del rettorato. Un rapporto consolidato da 43 anni di collaborazione, come ha sottolineato il presidente nazionale A.Gi.Mus, Salvatore Silivestro che, dati alla mano, esibisce le credenziali di una nuova stagione di appuntamenti che si prospetta ricchissima di appuntamenti e di occasioni.

Per una istituzione musicale che opera all’interno di un ateneo dallo specifico profilo internazionale è necessario disporre un piano di interventi dal marcato spessore culturale, tenendo d’occhio anche la destinazione finale, che è quella del pubblico composto da studenti di tutto il mondo.

E un particolare occhio di riguardo va indirizzato anche a chi sta dalla parte operativa del settore, ovvero ai giovani musicisti sfornati ogni anno dai corsi accademici dei Conservatori e delle scuole specifiche, che necessitano di una politica di sostegno molto particolare e ben parcellizzata.

«Talenti territoriali» li ha chiamati Silivestro, dichiarando come la sezione perugina dell’A.Gi.Mus abbia sempre privilegiato il suo rapporto con esecutori spesso alle prime armi, i più vulnerabili e quelli maggiormente soggetti a impatti spesso difficili con la professione.

Di qui, ha continuato Silivestro, la necessità di disporre piani di collaborazione con le scuole strumentale vocali del Conservatorio cittadino in un reciproco rapporto di valorizzazione e di esposizione al pubblico. Con risultati che sono sempre stati premianti.

L’elenco degli appuntamenti, che si sono aperti ai primi di gennaio col tradizionale concerto “Vienna, Vienna” in un teatro Morlacchi che aspetta questo appuntamento come una tradizione, sono già seguiti contatti di rilievo come quello con il Quartetto Arimany di Barcellona, flauti, viola e violoncello che il 18 gennaio erano presenti nell’aula magna di palazzo Gallenga.

Sfogliando l’album delle proposte Silivestro non può mancare di ricordare anche certi salienti specifici su cui l’A.Gi.Mus è da sempre presente, quello delle commemorazioni storiche. «Questo è l’anno di Rossini – ha ricordato Silivestro – 150 dalla morte, e una opportuna serie di seminari e conferenze ricorderà quello che la cultura italiana deve al grande pesarese. Anche i complessi vocali e strumentali del Conservatorio saranno presenti in questa rassegna, con programmi di approfondimento e di analisi».

Come non si potrà non ricordare il centenario della morte di Debussy e gli ottant’anni della morte di Mario Castelnuovo Tedesco, la cui memoria sarà affidata alle voci di Commedia Harmonica di Umberto Rinaldi che il 9 giugno canteranno nell’aula magna il Romancero Gitano su testi d Garcia Lorca.

Ancora nell’aula magna, il 10 maggio, avrà luogo il concerto che fa parte del progetto Musica dal mondo 2018, la rassegna con cui complessi e formazioni vocali giovanili internazionali si affacciano alla ribalta cittadina. Sarà di scena il coro femminile Salvia di Stoccolma, una particolare formazione che, come ha voluto ricordare Maria Hansson, svedese, ex-studentessa di palazzo Gallenga, nel repertorio e nelle scelte stilistiche, privilegia il rapporto con la serenità della vita.

«Nel nostro ateneo, conclude Paciullo, la musica non vive solo come materia di studio, ma è presente nella sua materiale rappresentazione. Suoni di creatività che sono il migliore veicolo perché si possa apprezzare appieno la complessità artistica di una esperienza che per i nostri studenti stranieri è spesso decisiva per la loro formazione umana e professionale».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...