I primi 70 anni di AGiMus

di Stefano Ragni – Settanta anni di AGiMus nazionale, sessanta quelli della sede di Perugia.

Il presidente nazionale, Salvatore Silivestro (nella foto), nella sala riunioni di palazzo Gallenga, ribadisce il consolidato legame tra la sua istituzione e il prestigioso ateneo internazionale. E non si tratta solo di ospitalità, perché l’Universita per Stranieri è partner attivo dell’AGiMus sin dai tempi del rettore Valitutti, in una successione virtuosa passata nelle mani del senatore Spitella che, negli anni ’80. ratificò una convenzione tra la sua università e l’Agimus. E’ così che la sezione perugina, fondata nel 1959 da Valentino Bucchi, allora direttore del Morlacchi, svolge le sue attività in un ambiente accademico carico di storia e di cultura. Una presenza che l’attuale rettore, Giuliana Grego Bolli, nella sua veste di presidente onorario, continua a considerare un arricchimento della sua istituzione.

Di fronte agli esponenti della stampa perugina Silivestro elenca fatti del passato e del presente, aprendo finestre molto interessanti sull’immediato futuro.

Il 2 e il 3 maggio palazzo Gallenga ospiterà una prestigiosa manifestazione di InterKultur di Francoforte. Decine di cori europei occuperanno le aule dell’ateneo per il tradizionale raduno annuale. La aula magna è risultata una sede appetibile e di rilievo visivo, e questo farà rimbalzare in tutto il mondo delle corali una immagine che valorizzerà non poco tutta la città.

«Per i 70 anni della nostra vita associativa, dichiara Silivestro, è stata presa l’iniziativa di particolari celebrazioni che avranno come testimonial Michele Placido, nativo di Ascoli Satriano, dove ha la sua sede una delle più antiche AGiMus. Perugia proporrà, come suo contributo nazionale, un concerto di una giovane cantante perugina, Chiara Mogini, soprano lirico di già prestigiosa carriera. Abbiamo iniziato il nostro cartellone con il tradizionale concerto di Capodanno, ospitando per la seconda volta l’orchestra nazionale del Kazakistan, e ci apriremo, a inizio di primavera, all’abbraccio di Musica dal Mondo, il festival delle orchestre e dei cori giovanili giunto alla sua ventesima edizione. In questa chiave va valutata la stretta collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Fino ad autunno inoltrato centinaia di ragazzi saranno ospiti delle strutture alberghiere del territorio, e anche questo è un bell’incremento di presenze».

Rassegna di giovani concertisti, Itinerari musicali e seminari dedicati al bicentenario di Suppè e Offenbach, rassegna corale internazionale “Voices for Peace”, musica e polifonia rinascimentale per il centenario di Leonardo da Vinci, chitarra e danza, letteratura e poesia coi duecento anni dell’Infinito di Leopardi e il Peer Gynt di Ibsen con le musiche di Grieg sono alcune delle voci in attivo di un campionario di cultura e di umanità che l’AGiMus riverserà sugli studenti stranieri e su quanti perugini vorranno continuare a seguire la vita di una dei presidi di civiltà che la nostra città può vantare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...