Squilla la tromba di Vincenzo Pierotti per le lacrime di San Lorenzo

di Stefano Ragni – Squilla la tromba di Vincenzo Pierotti per un pomeriggio che prelude alla notte di san Lorenzo. Si intitola “Vaghe stelle dell’Orsa” e si svolge nella corte di palazzo della Penna. Ieri, alle diciotto e trenta, con le pareti del palazzo che riverberavano un calore infernale, l’Orchestra Giovanile dell’AGiMus di Perugia diretta dal presidente nazionale, Salvatore Silivestro, ha indicizzato un altissimo consenso di pubblico raccogliendosi intorno all’immagine celebrativa di Leopardi.

Senza titolo-O1Santo co-patrono e massimo poeta romantico in un plesso che ha avuto nella voce recitante di Alessandro Ricci una dizione accorta e stringente per sollevare musica intorno a tre poesie “del cuore”: L’Infinito, le Ricordanze e Canto notturno. Un concerto dal programma accattivante, con scampoli della musica da film raccolti dal gesto direttoriale di Silivestro: una manciata di piccole schegge di musica destinata a sollevare gioia e ottimismo, a cominciare dai pezzi iniziali, Morricone, il “Never on Sunday” dei Ragazzi del Pireo, il Padrino di Nino Rota. Brillante, brunita, profonda la tromba solista di Vincenzo Pierotti, un eugubino che ora ha un po’ di capelli brizzolati, ma che, sin da ragazzo è stato un musicista raffinato e sensibile. Ora che suona nella Banda della Polizia di Stato, conferma una professionalità pregevole e alza la sua voce in un magnifico dialogo con una piccola orchestra d’archi che suona così bene da guadagnarsi il rispetto di tutti.

Per un pomeriggio così afoso è un lusso concedersi le letture leopardiane, ma sotto la voce di Ricci si snodano le melodie di Bach, Aria sulla quarta corda, Piazzolla di Oblivion, con Federico Galieni violino solista, e Miller, Moonlight serenade. Quando arriva “A Silvia” è Love Story a contornare le parole più famose della poesia italiana. Amore infranto, musica straziante, un plesso di sensibilità e di commozione.

Quando abbiamo lasciato le “Vaghe stelle dell’Orsa” tutti abbiamo ricordato il film di Visconti con una Claudia Cardinale in bianco e nero e un Jean Sorel a picco sulla Balze di Volterra. Ma lì era la musica di Cesar Franck a contornare il morboso rapporto che legava i due fratelli in un indissolubile nodo sciolto solo dalla tragicità degli eventi.

Ingresso nella seconda parte del concerto, senza che un solo filo di vento venga ad accarezzarci. Pure, il valzer “Oro e argento” di Léhar ha offerto quel ristoro che una musica del genere sa comunque evocare. I giovani dell’orchestra continuano a snocciolare musica con garbo e passione, distendendosi sui pizzicati di Strauss e di Anderson. A seguire quattro evocative danze latinamericane di Agujr, prima del ritorno in pista di Pierotti, stavolta per l’intramontabile West di Morricon e il Lawrence d’Arabia di Maurice Jarre. Ci sono tanti applausi e si produce un bis, il pizzicato jazz di Andersen. Prende la parola l’assessore Leonardo Varasano alle sue prime uscite come responsabile della cultura cittadina. A sorpresa, sottolineando la dimensione originale della festa di san Lorenzo celebrata al pomeriggio, Varasano cita don Divo Barsotti, il fondatore della Comunità dei Figli di Dio e ricorda la sua statura di studioso leopardiano. Tanto da poter parlare di “cristianesimo naturale”, una faccia ancora tutta da studiare nella poetica leopardiana. Una frase, sopratutte: Nella lontananza di Dio il poeta sentì che le sue parole si perdevano nel silenzio.

Ma non si tratta di una lezione universitaria e Silivestro invita assessore e pubblico ad alzare un calice in onore di san Lorenzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...